Protocollo d’accoglienza per l’inserimento degli alunni stranieri

Il Protocollo d’accoglienza contiene le indicazioni riguardanti l’inserimento degli alunni immigrati, traccia in linea di massima le fasi dell’accoglienza e delle attività di facilitazione per l’apprendimento/consolidamento della lingua italiana, stabilisce i criteri di massima per la valutazione degli apprendimenti e delle competenze.

Le prassi di accoglienza e di monitoraggio del percorso didattico/educativo sono seguiti dal docente Referente per alunni stranieri.

Accoglienza

L’alunno straniero arrivato in Italia ad inizio anno scolastico o in corso d’anno è inserito nella classe corrispondente all’età anagrafica, salvo la scuola non ritenga opportuno l’iscrizione ad una classe diversa sulla base dei seguenti criteri:

• livello di competenze ed abilità acquisito nel corso degli studi svolti nel paese di origine

• livello di conoscenza della lingua italiana La classe diversa potrà essere di grado immediatamente inferiore o superiore a quella anagrafica

 

In una prima fase di accoglienza, sulla base delle competenze linguistiche esistenti, segnalate dai docenti del consiglio di classe al Referente alunni stranieri, sarà possibile attivare:

- la formazione temporanea di gruppi omogenei per madrelingua o per cittadinanza per specifiche esigenze didattiche (alfabetizzazione italiano L2);

- facilitazione dell’apprendimento linguistico e “disciplinare”,

- l’inserimento in altre attività proposte da Enti vari presenti sul territorio

 

La Programmazione

Per l’alunno appena arrivato (NAI : Nuovo Arrivato Italia) e non alfabetizzato o anche già residente ma che non abbia completato un intero ciclo di studi in Italia, se mostra difficoltà evidenti nell’apprendimento della lingua o nel consolidamento degli insegnamenti curriculari, il C.d.C predisporrà una programmazione personalizzata (PDP Piano Didattico Personalizzato: ) La progettazione avviene su obiettivi essenziali con contenuti ridotti e semplificati, in base alle capacità dell’alunno ed in risposta ai suoi bisogni formativi ed utilizzati per definire lo standard da raggiungere. L’attività dei docenti coinvolti nell’inserimento potrebbe avere lo scopo di:

- facilitare l’apprendimento del linguaggio funzionale favorendo la presenza nel gruppo-classe per tutto il tempo scuola;

- rilevare i bisogni specifici di apprendimento;

- semplificare, se necessario, il curricolo, per quanto riguarda i tempi di apprendimento di un’altra lingua straniera oltre all’Italiano;

- individuare le modalità di semplificazione o facilitazione linguistica per ogni disciplina.

La Valutazione

Si individuano alcuni criteri per la valutazione degli alunni stranieri di recente immigrazione:

- prevedere tempi più lunghi per il raggiungimento degli obiettivi;

- valutare il progresso rispetto al livello di partenza;

- tenere conto che l’alunno straniero è sottoposto a una doppia valutazione: quella relativa al suo percorso di italiano seconda lingua, quella relativa alle diverse aree disciplinari e ai contenuti del curricolo comune;

- predisporre strumenti per la valutazione formativa e sommativa adeguati.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.